e i vecchi tempi

di sorrisi
di sudore
di rumore
di chilometri
di sguardi, voci, persone sfiorate e mai più riviste
di nuovi compagni di viaggio
di vecchi ritrovati
di musica per il mio cuore

 


Annunci

veneziamonaco A/R

Non ho detto che una settimana fa ero a Monaco.
Partenza la domenica ritorno il lunedì pomeriggio.
Perchè live al Theaterfabrik c’era Chris Daughtry.
Ebbene si.
1300 km in 36 ore.
400 persone circa.
23 euro il biglietto.
Sequestrata la mia piccola e insignificante reflex perchè “I’m sorry lady, but this is a professional camera” ma vaff….
E l’acustica faceva schifo.
Una volta un fonico disse “se siete vicino al mixer e sentite dimmerda è perchè effettivamente sento dimmerda pure io”.
Okay. Ottima osservazione.
Almeno ho un buon ricordo. Anche il ricordo di una lacrima che è scesa.
E poi Subway, Starbucks, Pizza Hut and much more…

i soliti noti

Autostrada chiusa per incidente. Temporale. Mc Donald. Temporale.
Finalmente il sole. Parcheggio. Fiume di gente che cammina. Entrata. Giro di perlustrazione.
Birra, sigaretta, chiacchiere, bagno. Birra. Sigaretta. Attesa. Camminata.
Troppa gente, e la collina. Sudore. Ballare in discesa non è semplice. Male alla caviglia. Sudore. Voglia di dare.
Aria fredda. Sudore. Pioggia. Sempre di più. Temporale. Tutto sovraccarico di gente. Finalmente il sereno. Attesa.
Enrico. Il paravento. Pietro e il cellulare spento. Un pass. Un divano. Un ciao, un ehi! un abbraccio. Marco, troppo stanco. Tony, sempre il solito. Facce nuove. La figlia di.. nooo ma è sua figlia? Marcello, i dolci siciliani, un giro al tendone “unza unza”. Chiacchiere. Volti che non vedevi da troppo.
Manuel. chi? ma.. Sam.. no! Manuel. Noooobody is perfetc, dice l’adesivo. La trasferta a vicenza annullata. Chiacchiere sigarette, temperatura che scende. Forse è il caso di… si tornare. Finito. Alla prossima. Chissà quando sarà… chi prende la navetta, chi auto di conoscenti, chi torna con chi è venuto.
Dura tutto troppo poco.